POTREBBE ESSERE UN BUON GIORNO
(maggio 2015) (acrilici su tavola 36x41 cornice compresa)

Si tratta di una di quelle idee che si fanno covare dentro per un mucchio di tempo, e poi escono di botto tramite una visione già chiara e definita. L'immagine racconta quella emozione di benessere che si prova uscendo di buon'ora incontrando i primi raggi di un sole nascente. Per quanto riguarda i colori c’è da notare un insolito (per me) uso di tinte marroni. Scelta dettata dalla volontà di tenere il quadro su una predominante calda. Le sfumature esaltano il gioco delle forme fisiche dell’oggetto e naturalmente cercano la sensazione di profondità.