EURIDICE
(giugno 2018) (acrilici su tela 50x50)

Scenografia di sfondo eliminata completamente, tranne la luce proveniente dall'uscita. L’anima di Euridice ha una trasparenza portata fino all’estrema inconsistenza. In contrasto con la scura solidità della figura del poeta musicista. Ritorna la metafora del sogno irrealizzato che svanisce all'ultimo istante.