UTOPIA
(marzo 2017) (acrilici su tela 50x50)

Uno studio bicromatico dove si descrivono due utopie. L’evidente metafora di un sogno irraggiungibile e l’utopia di un fraterno abbraccio tra i colori secondari verde e arancione. Il gioco del disegno si basa su una sequenza di archi di cerchio concentrici che costituiscono una serie di sipari evanescenti. Una specie di atmosfera planetaria, se così si può dire. E l’utopia sta nell’angolo opposto, repulsiva e irraggiungibile. Al di fuori di tutti i moti rotatori.