2019

INSEGUENDO LA BELLEZZA

Il clima fantastico della pittura di Paolo Ober viene spesso interpretato come onirico...corpi incorporei, figure irreali e danzanti nello spazio, spazio di pura invenzione, eppure questa viosIonarietà non appartiene al sogno così le sue composizioni, le sue immagini, non sono derivate dai fantasmi e dalle connessioni assurde dell'inconscio anzi, al contario, sono il risultato di una sintesi formale ed espressiva che l'artista ha coltivato, nutrito, arricchito, nel corso di una vita, l'età della sua vita con l'arte, che ben presto ha scelto di abbandonare la riproduzione della realtà per percorrere un viaggio tanto più libero quanto più impegnativo. In viaggio con se stesso, attraversando emozioni e sentimenti, incontri e fascinazioni diverse nelle quali si intessono e si fondono passione e spiritualità; concretezza della materia ed illusione, o anelito, di leggerezza. Una via intrapresa con la preoccupazione, in primis, non del gradimento estetico o della comprensione “degli” altri ma del riconoscersi, e poi del desiderio di comunicarlo e condividerlo “con” gli altri. La sua ricerca espressiva - sempre in progress, soprattutto nel confrontarsi con la materia pittorica, anzi i materiali che possono dialogare con la pittura - costantemente aperta e disponibile alle contaminazioni più desuete, potremmo collocarla in una dimensione sospesa tra scienza e magia, (chissà forse le sue due intime nature)! Si perché da una parte c'è l'artista che sperimenta, come un alchimista, la compatibilità tra gli elementi (canonici e no, nei suoi lavori interagiscono spesso anche ingredienti alieni alla pratica pittorica...), e che studia l'equilibrio ottico delle combinazioni dei colori e la letteratura di interpretazioni simboliche ma insieme, e all'unisono, c'è l'artista che lascia scorrere l'andamento della narrazione, partecipe, prima ancora che artefice, dello stupore e dell'incanto con cui la leggeremo, lui per noi, noi con lui. Nel corso del tempo il suo prendere le distanze dal figurativo tradizionale, rispondente al vero, non lo porta tuttavia ad annullare il referente della figura umana che giunge a sintetizzare fino ad una riduzione talmente essenziale da apparire embrionale. Diviene iconografia duttile partecipando così alla giostra cromatica e dinamica della composizione, non necessariamente protagonista bensì irrinunciabile accento formale tale da muoversi in simbiosi col ritmo armonico che governa l'intera immagine; e nella danza di forme e colori l'artista ben presto stabilisce una inconfondibile mobile continuità fino a coinvolgere nel concetto di unicità la struttura portante del quadro espandendo la pittura oltre i confini della cornice. Ritmo e armonia si potrebbero dire i suoi “numeri-guida”, imprescindibili dalla sua modalità pittorica e sicuramente riconducibili alla connaturata simpatia per la musica che, coltivata da sempre con passione e conoscenza, diviene legame empatico. La tavolozza come spartito, su di essa ricerca e stabilisce quella speciale combinazione di assonanze che deriva dalle diverse vibrazioni di scale, toni, timbri, fino a raggiungere il desiderato equilibrio. Nei suoi racconti cromatici serpeggia un'idealità che potremmo leggere come stupore per la bellezza, quella bellezza che l'artista insegue da sempre e che si configura soprattutto nella luce e nell'unione, tali da poterli annoverare come leit-motiv, dando voce all'emozione che deriva dalla gioia piuttosto che all'esaltazione di fronte alla fugace felicità. Inseguire la bellezza non significa infatti che l'artista cerchi di rappresentarla, secondo canoni filosofici o concettuali, semmai il suo atteggiamento è quello di perseguire, nel comporre, attraverso i propri strumenti visivi, il raggiungimento di una comunione tra forma e contenuto capace di evocare una dimensione percettiva più sentimentale che fisica. Ed è appunto nel concetto di armonia che si svolge questo percorso creativo: nella continuità del movimento, serpeggiante fluido e antigravitazionale, delle forme, antropiche o altre, nella sequenzialità, talvolta simmetria, dei campi cromatici, nella sempre più spiccata propensione alla geometricità della costruzione spaziale dell'immagine. Altrettanto nelle tematiche, siano scaturenti dall'ascolto musicale o dal senso epifanico della natura, dalla suggestione di un concreto soggetto quanto dalla seduzione più astratta di un'idea, ricorre costante la sincronicità, nell'intreccio, l'abbraccio, l'incontro, il dialogo, il volo, come un inno all'unione, condivisione, e al tempo stesso alla libertà. Si intuisce in Ober una crescente propensione alla regola, nella più marcata “quadratura del cerchio”, nell'inclinazione a svolgere un ulteriore scatto di tensione al fluido concatenarsi di linee e forme, sempre, non dimentichiamo, scandite dal colore (in una gamma che non disdegna nouances né contrasti) dove è principe il blu e di seguito il giallo. Eppure ogni opera, intessuta attraverso una meticolosa trama prima progettuale e poi esecutiva, sortisce l'esito di una grande naturalezza, di un vortice d'energia che trascina dentro l'immagine a percorrere, forse parallelamente all'artista che l'ha concepita, un viaggio tra particelle materiche e incanti visivi, quasi stessimo osservando qualcosa in divenire. D'altra parte in ogni opera, di cui ormai è inconfondibile la cifra personale, si riflette l'intero cammino artistico, tracciato attraverso decenni di riflessione e sperimentazione, di ricerca ed evoluzione del linguaggio e della tecnica, sempre però capace di imprevedibili svolte e sapienti sorprese.

testo di

Roberta Fiorini

2019

Firenze

2019

L'AVVENTURA E L'INTIMITA'

La pittura di Paolo Ober concentra tutta la sua attenzione sull’eterno ritorno del segno e sulla plasticità del disegno fino a concepire in infinite variazioni una sorta di forma e di visione per così dire creaturale. Della sua pittura si può parlare secondo diverse dimensioni, cosmica, fiabesca, emozionale, ma il nocciolo critico-analitico sembra ancora sfuggirci. Friedrich Nietzsche nel suo “Al di là del bene e del male” scrive: ”Che cosa scriviamo e dipingiamo noi, mandarini col pennello cinese, eternizzatori delle cose che si lasciano scrivere, che cosa soltanto siamo capaci di dipingere? Ahimè, sempre e soltanto quel che appunto vuole appassire e comincia a perdere la sua fragranza!” E Paolo Ober, consapevole di questa difficoltà strutturale dell’arte di afferrare la vita vera e pulsante, tormento stabile dell’arte e in particolar modo delle avanguardie del Novecento, parte proprio da questo ostacolo apparentemente insormontabile, per arrivare a costruire un sistema visionario che inventa una propria realtà, nella quale le infinite variazioni della decorazione contengono anche il passo dell’uomo, la sua sete di conoscenza e insieme la sua tenerezza. Possiamo dire che ci troviamo di fronte ad una pittura, profondamente figlia del suo tempo, legata ad una biografia ricca e polimorfa nella quale fotografia, videoarte e digital art si sono felicemente intrecciate e che è tutt’altro che digiuna delle sperimentazioni futuristiche importanti che segnarono anche il territorio trentino ( do you remember Fortunato?). Oggi si presenta come una pittura che ha trovato ormai da anni una sua originale cifra espressiva: seguendo il filo del pensiero di Nietzsche vuole dipingere non la realtà che si lascia dipingere, ma un mondo nuovo in bilico permanente tra l’astronave sognata da Jules Verne, l’intimità più segreta e infantile dell’amore, la gratuità totale di un abbraccio. All’origine del mondo come alla fine del mondo: dentro le immagini create da Paolo Ober ci sta l’inizio e la fine, il dipanarsi di una nuova, contemporanea mitologia, che finisce per coinvolgere il nostro sguardo, e, qui sta l’evento, immergerci in nuove storie e in nuove avventure della mente e del cuore, ahi, che parola maltrattata ed abusata, ma è ancora una volta quella giusta.

testo di

Mario Cossali

2019

Trento

2016

(commento per la VIA CRUCIS esposta in Duomo)

Come cammei la luce del Cristo emerge dalla costellazione infinita del freddo azzurro, le figure circostanti esprimono agitazione, dolore, e follia di un momento sempre attuale, dove la ragione è perduta. Qualcuno reagisce dando aiuto,ma l'assistere ad una tragedia non risolve l'indifferenza dei più, in un tempo in cui la riflessione pare non esistere. Come tante fredde fiamme le figure contornano il calore del Salvatore e solo la Sua figura emerge come fonte di salvezza, anche quando l'anima sale al Padre. La ricomposizione del corpo verso la fine è luce di una nuova alba che promette la Vita Eterna.

testo di

Franco Lancetti

2016

Trento

 

2016

SIMBOLOGIA COSMICA (commento alla "Via Crucis")

Nelle opere di Paolo Ober, si denota una sua unica ed inimitabile personalità artistica. Sia sotto il profilo tecnico e base cromatica, i soggetti figurativi, stilizzati, assurgono ad una propria interpretazione simbolica. Lo sfondo in ogni opera da l’idea di come tali soggetti occupano la centralità e fuoriescano da un sistema sferico-cosmico costellato di bianche particelle volteggianti nel blu-azzurro spaziale Tecnicamente non ha niente a che fare con il puntinismo, bensì ad uno stile squisitamente contemporaneo e personalizzato, non assimilabile a precedenti riferimenti escludendo un termine frequentemente citato in altri artisti quale dejà-vu. Paolo in chiave artistica, avvolto in pensieri, meditazioni, nella costante ricerca d’ispirazioni, tenta di costruire, definire, dare un senso alla nostra presenza In questo magico globo chiamato: Mondo. (*)

(*) rif. bibliografico: Libro pubblicato nel 2015, autori: Karel Schriyver & Iris Schriyver dal titolo: LIVING WITH THE STARS

testo di

Iginio Depedri

2016

Trento

2014

Bella questa ricerca! Artista introverso. Artista profondamente conoscitore delle tecniche e dei significati simbolici. Fine psicologo, osservatore delle sensazioni e dei momenti. Attento alle ultime tendenze ma distaccato. Amante delle sperimentazioni, sviluppa un certo futurismo della forma e della non forma. E in particolare, rimanendo concentrato sulla propria interiorità è aperto al nuovo e agli altri. Così è la sua arte. Un’arte interessante, un’arte anche decorativa nel senso elevante, non dispregiativo. Perché in questo caso c’è anche una ricerca di significati. La gioiosità e la malinconia, l’espansione e il ripiegamento, la riflessione, l’introspezione.

testo di

Roberta Mezzadra

2014

Pavia

2014

L’opera di Paolo Ober è intrinsecamente psichedelica, opera con i colori in una dimensione prettamente emozionale dove semplici forme sembrano condurre a verità ancestrali, a archetipi radicati nelle profondità della psiche accessibili solo per mezzo di primordiali sensazioni estetiche. Sensazioni che fanno sperimentare una sorta di ritorno dopo un distacco, un oblio. Un risveglio della psiche, un ritorno all’infanzia.

testo di

Marco Cruciani

2014

Pergine Valsugana (TN)

2013

Tra sogno e razionalità, rigore mentale e fantasia, si svolge l’affascinante narrazione figurativa del maestro Paolo Ober che svela nell’alchimia cromatica fra trapassi di luce l’astrazione del reale attraverso l’alchimia coloristica. Tra brillanti cromie nella simbologia della metamorfosi del reale la geometria di base diviene un viaggio utopico del pensiero di un’arte concettuale che ci trasporta mediante la dialettica della materia e della trasparenza in paesaggi cosmici e surreali.

testo di

Carla d'Aquino Mineo

2013

Padova

2013

La condizione dell’Arte è una sola, proporre idee attraverso le opere, se poi le opere sono dipinti o sculture ecco che subentra la volontà di capire ciò che è scaturito dalle mani dell’autore. Spesso i percorsi sono impensabili, vanno dalle reminescenze giovanili, i ricordi, con le ore passate in luoghi ameni ormai vivi solo attraverso l’immissione degli stessi in oggetti o in tratti di pennello o sovrapposizioni di elementi, con o senza colore. La visione diretta delle opere alle volte sconcerta, ma entrando con pazienza in esse si trovano motivazioni storiche, oggetti di un recente passato che ricomposti muovono la fantasia dell’artista e stimolano la curiosità di chi le osserva. (...) La minuziosa elaborazione apparentemente semplice rapisce l’occhi nell’avvicinarsi alle opere di P. Ober, dove i contenuti a piccolissimi rilievi ritrovano le cose più dirette della formazione, dai semi ai pizzi alle profondità marine dove molluschi e meduse fluttuano nella trasparenza. Bellissime e tremende le gelatinose filanti striscie degli anemoni marini e i tappeti frammentati di superfici che al contraltare delle notti stellate splendono di tremolio vivacissimo. Le curve di questi spiritelli vagano da una superficie all’altra, e bene è vedere le elaborazioni filmate che corredano e completano la complessa, costante e raffinata produzione che sposa colore, movimento e successione delle idee in una continua ascesa.

testo di

Franco Lancetti

2013

Pergine Valsugana (TN)

2010

Paolo Ober attraverso forme antropofomorfe dell’uomo e della natura, trasfigurate nel colore, con rilievi e spessori diversi, realizza un linguaggio moderno di comunicazione. Lo sviluppo plastico, accompagnato da un ritmo musicale, accresce un’energia vitale e una notevole forza fisica.

testo di

Lidia Mazzetto

2010

Noale (VE)

2009

IL MONDO ONIRICO DI PAOLO OBER

L’espressionismo fantastico di Paolo Ober si estrinseca essenzialmente attraverso la trasfigurazione estetica dei personaggi antropomorfi, maschili e femminili, stilizzati. Questi “omini”, che trovano il loro motivo di essere in posizioni avvolgenti, quando si tratta di innamorati, realizzano una fusione formale fino a costituire nuove figure che, attraverso la semplificazione della forma e l’esaltazione del colore portano all’incandescenza la centralità dei personaggi. Il viluppo plastico di queste figure espande la sua energia vitale nello spazio circostante che, con accompagnamento ritmico, sviluppa una forza espansiva, mentre lo spazio fisico che le circonda ricorda ancora un mondo naturalistico ormai lontano. Dalla contrapposizione tra fisico-terreno e spirituale nasce la dialettica tra questi fenomeni opposti. Altre volte i personaggi entrano in rapporto dialettico ed empatia attraverso lo slancio vitale che le linee curve producono. Discorso pulito, senza orpelli, quello di Paolo Ober, che riesce a sublimare il fantastico attraverso la sintesi formale. Un’estrinsecazione estetica la sua che non teme di dichiarare modalità tecniche che si rifanno al divisionismo ed al puntinismo, nonché a certo simbolismo di fine ottocento o di Previati. Ma tutto questo egli riesce a fondere ed a sublimare in un nuovo universo, più fantastico, più colorato, più vivo. Un’utopia fantastica basata ancora sul rapporto dei complementari. Molto interessanti le modalità espressive di Paolo Ober quando riesce ad articolare ritmicamente il fondo ed il primo piano con elementi concreti geometrici che, oltre a sublimare la materia portandola ad ambiti metafisici che contribuiscono all’unità compositiva dell’opera. Le evoluzioni plastiche delle sue figure ci trasferiscono in un ambito favolistico in cui, come in un sogno, tutto diventa possibile. La semplificazione della forma e la sua trasformazione cromatica rendono di facile leggibilità le sue opere e per questo il suo messaggio, di un mondo colorato ed armonico, relativamente in pace, ci giunge rapido e convincente. La prevalenza di linee curve ammorbidisce la spigolosità della vita quotidiana creando effetti plastici di notevole valore estetico, riportandoci in un mondo onirico infantile che spesso abbiamo dimenticato. Questi suoi personaggi stilizzati ci presentano una possibilità di vita in un mondo costruito come ipotesi di felicità possibile, in cui l’uomo vive in armonia con la natura, con se stesso e con i suoi simili. I caratteri espressionistici del colore creano un’atmosfera di perfetta orchestrazione musicale in cui ogni elemento, sintonizzato con gli altri, contribuisce, arricchendola, alla grande coralità della natura.

testo di

Silvano Battistotti

2009

Milano

2009

Una marcata simbologia caratterizza le opere di Paolo Ober. Figure stilizzate si muovono in uno spazio metafisico dominato dal silenzio. È uno spazio che va oltre il piano pittorico e si espande sulla cornice del quadro per dare una sensazione di continuità infinita. Anche i personaggi sembrano volere varcare i limiti fisici del dipinto con movimenti larghi e proiezioni vertiginose. L'effetto è quasi sempre monocromo ma, a ben guardare, il tono si afferma, un pò come nel puntinismo, per somma di tocchi minuti e variegati che si giustappongono a formare un'omogenea o degradante superficie cromatica ricca di profondità, sia di natura visiva sia di natura psicologica.

testo di

Franco Migliaccio

2009

MIlano

2008

Lo conosco da molti anni, ho lavorato con lui per la costruzione del video Autunno…, abbiamo fondato la DIGITALART Parlare di lui non è facile anche perché è molto eclettico: per citare solo alcune delle sue attività artistiche dirò che dal disegno pubblicitario è passato alla fotografia, alla video-arte, continuando però a dipingere in un suo stile inconfondibile. Ogni tanto fa anche l’attore. Già da piccolo gli dicevano: “Scendi dal pero.”, intendendo con questo invito a fargli prendere contatto con la realtà di tutti i giorni, e a lasciare il mondo dei sogni. Credo che questa caratteristica lo invada ancora, perché si sente la fatica che fa a parlare di cose materiali. Non a realizzarle quando si tratta della sua pittura, costruisce da solo perfino le cornici. Paolo è quindi un sognatore, ma un sognatore che trae ispirazione sia dalla musica nella quale si immerge prima di creare, sia dalle emozioni che prova nelle piccole cose come nei grandi temi dell’esistenza sui quali continuamente si interroga, sia nei concetti che da tali situazioni emergono e che si estrinsecano poi nell’immagine che infine dipinge. Processo che comporta un lavorio interiore in parte inconscio, istintivo e in parte concettuale, nonché tecnologico in quanto è assolutamente padrone sia della tecnica pittorica sia della fotografia che del digitale. Non è facile perciò nemmeno caratterizzarlo anche solo come pittore (espone dal 1988) e ancor meno come uomo, pur essendo io psicologa. Ma perché? Perché la psicoanalisi, essendo un’arte anch’essa, può solo in parte afferrare il significato di simboli e concetti, se non equiparandola al sogno e come tale cercare di interpretare quanto l’artista vuol comunicare. O meglio, quando i dilemmi diventano immagine, possono venir accostati dalla parola e dall’interpretazione. Ma attenzione: in ogni opera d’arte c’è un bisogno di comunicare e un bisogno di celare, per cui mai quello che si vede è quello che si vuole vedere e tanto meno quello che l’artista vuol celare. Eppure tutto questo è appeso a un muro, come un pezzo di Anima, lacerata e ritrosa a manifestarsi, nella disperata ricerca di riempire un vuoto, il vuoto e nel contempo di comunicare la sua solitudine. Possiamo considerare Paolo sia astratto, sia figurativo: astratto perché in questo lavorio assurge infine all’idea, quindi opera un’astrazione, dove anche il colore (che pure indica la parte emozionale) è asservito ai contenuti che vuole esprimere; sia figurativo perché utilizza una forma quasi sempre in movimento, sia l’omino, (ma è un omino o è una via di mezzo tra l’uomo e l’angelo? Quelle braccia sembrano ali spiegate), sia il fiore, sia volumi geometrici… che sono comunque lontani da una realtà immediatamente percepibile in quanto rappresentano altro e quindi anche la figura diventa astrazione. Chiediamo a lui perché utilizza la pastina per minestra (anellini, stelline) o ancora perché dopo aver dipinto il quadro sente il bisogno di continuare nella cornice il suo tema, forse per una sensazione di non aver detto tutto o per unificare l’interno con l’esterno o ancora per delegare all’immagine ciò che la parola non riesce a dire? Perché si potrebbe definire l’arte come animata dal sogno di una trasgressione, dalla tensione a oltrepassare l’invalicabile barriera che condanna a non poter mai attingere i segni interni direttamente, privandoci di quella visione pura e totale che solo il linguaggio degli angeli possiede. In questa prospettiva, l’arte è ambizione di poter essere angeli in quanto in essa l’espressività dell’uomo sembra acquisire una capacità quasi angelica di lasciar trasparire se stessa, vale a dire il suo indicibile, inafferrabile e personale movimento interno.

testo di

Carla Corradi

2008

Pergine Valsugana (TN)

2004

GIOIA NEL COLORE

La pittura di Paolo Ober sfrutta una struttura geometrica che non abbandona l’aspetto dinamico della linea. Quello che veramente colpisce il fruitore è la finezza del ritmo capace di creare figurazioni magiche nell’evolversi emozionale dell’opera. La cromia diventa un evento pittorico poichè si basa su accordi tonali i cui colori sono abbinati in una pastosa fusione del soggetto con l’atmosfera. La sua figurazione supera la realtà proponendo una narrazione estetica degli eventi che nasce da una felicità inventiva e da un’orchestrazione ricca di eleganza decorativa. Una tavolozza quella di Ober, che mediante un segno preciso modella soggetti interiorizzati nella mente del pittore e li fissa sul supporto materico arricchendolo di vitalità. Tutte le sue composizioni sembrano rinunciare alla pesantezza della sostanza per isolarsi in un ambiente solare ed incontaminato da qualunque elemento negativo. Immagini in cui emerge il sogno abbinato a riflessioni conscie che fanno emergere un desiderio di fuga dalla realtà e un bisogno di non confrontarsi con le brutture dell’esistenza. L’autore punta all’espressività del colore ma anche a un rigore matematico che implica una perfezione del tratto. Il progetto grafico fonde la maestria stilistica insieme alla sua sensibilità coloristica. Tutti i dipinti infondono serenità all’osservatore e gli danno la possibilità di essere introdotto nell’affascinante linguaggio della luce. E’ evidente una ricerca dell’armonia unita ad un dinamismo che coinvolge i personaggi: appare una visione realizzata su implulsi onirici ed estrema chiarezza visiva. L’impianto compositivo è calibrato: case, personaggi, animali, oggetti, mettono in scena bizzarre commedie in una rappresentazione da favola. Attraverso il gusto dello spettacolo e il senso della fantasia Ober intesse un colloquio con l’umanità che lo porta a riflettere sulle problematiche esistenziali. Una passione per il reale descritta come una fiaba senza drammi o affanni. L’artista predilige mettersi continuamente alla prova e sperimentare tecniche diverse nel suo modo di fare arte; infatti, in questa esposizione, presenta anche di video. Egli realizza immagini dove descrive una raffinata serie di giochi cromatici in cui toni forti, come il rosso, o riflessi abbaglianti, raccontano l’intrigante processo creativo che oggi si può attuare con il computer. E’ importante per il pittore, racchiudere nelle opere il senso poetico delle tinte focalizzando la sua attenzione pure sulla musica che accompagna la visione del video. In questo processo viene favorita l’idea più che il risultato; la creatività è comunque il motore di tutta questa versatile produzione pittorica.

testo di

Elena Gavazzi

2004

Piacenza

2004

Le opere di Paolo Ober sono fiabesche. La linea che detta il ritmo delle visioni crea immagini luminose legate ai sogni, alle radici dell'uomo e della vita immaginata nella forma di una fonte magica.

testo di

Angelo Sblendore

2004

Milano

2004

LA GIOIA NEL COLORE dei quadri di Ober: DA TEMATICHE MISTICHE ALL'ESTETICA PURA

L’arte moderna forse è in crisi ma non finisce mai di stupire perché, pur contestata, è anche creatività e manipolazione di un immenso patrimonio figurativo. Molti artisti, impossibilitati a continuare la tradizione, preferiscono esplorare nuovi campi. Questo è il caso di Paolo Ober che ci fa assistere ad un approccio artistico multidipliscinare, totalizzante, senz’altro eccentrico ma comunque seducente per intensità cromatica, varietà e visionarietà dei soggetti. Nelle sue ardite composizioni, Ober ben esemplifica un universo onirico, un naturalismo surreale e fantastico, un’ironia a tratti inquietante nonostante la vivacità coloristica e l’impostazione pacata e suadente. Grafico, disegnatore, fotografo, coraggioso sperimentatore non solo pratico – stili e metodi orientali e “bizantini”, texture, accorgimenti materici e narrativi – ma anche teorico – associazionismo musicale, suggestioni fisiologiche e percettive da psicologia gestalgica – Ober persegue ambiziosi programmi iconografici a mezzo tra viaggio nel subconscio e strana ma accattivante coesistenza di sogno e realtà. Per esempio le sue proiezioni di fotografie in dissolvenza introducono un’assoluta artificialità: aspetti un un reale programmaticamente stravolto che possono, però, celare inedite virtualità spaziali, un pittoresco senso del colore e del movimento accentuati da un brillante sottofondo musicale. Con straordinaria naturalezza riesce, poi, in estrema riduzione formale e calligrafico descrittivismo, a trasfigurare poeticamente spunti concreti privilegiando via via simbolismo (Lo gnomo, Concetto verticale) misticismo (Campo Magnetico, L’entusiasmo e la verità, Essere celeste), un panteismo magico ed avvolgente (Fonte magica, Al ruscello, Le nostre radici, Nuova vita). Immagini smaltate in assoluta perfezione formale con colori che, variamente ma delicatamente, sfumano nell’opposto o nel tono contiguo più o meno acceso e soggetti a volte incomprensibili per guizzante metaformismo tendono ad una mitica ricongiunzione con la natura e dimostrano come Ober ricerchi anche un puro spettacolo (Sulla vetta). Di più: un godimento estetico, una soddisfazione sensoriale riuscendo, velatamente, a caricare le singole opere anche di significati reconditi tutti, però, più o meno riconducibili al tentativo di dare continuità all’esperienza umana (Punti di vista, Doppio sogno, In giardino, Quattro amici al bar), unificare sensazioni uditive, tattili e visive dell’individuo nel continuum spazio-temporale. Quello che ha realizzato poi nel campo della video-art, tanto scoppiettante quanto rutilante dimostra, ancora una volta, l’abilità tecnica di Ober. Aeropitture futuriste, moderna cosmogonia, ma anche solitudini metafisiche ed esistenziali che trovano compiuta realizzazione in un clima di allegoria ed apologo morale sull’inconsistenza di grandi ideali e di tanto celebrati miti della storia dell’umanità.

testo di

Fabio Bianchi

2004

Piacenza

2004

Quelle di Paolo Ober sono opere euforizzanti, che esplicitamente cercano di sfrondare la negatività dalla realtà delle cose. Invece di puntare l’attenzione alla sovrabbondanza di negatività, alla quantità di eventi sfavorevoli e tristi che tutti noi subiamo, cercano di vedere cosa rimane dopo un minuzioso lavoro di ritaglio e di pulizia impostato con pensiero positivo. Io la definirei ricerca di eudinamica (dal greco eu , bello, buono), poiché è un’operazione in cui si cerca punto per punto tutte le assonanze che esprimono una gioia di vivere. E si vorrebbe che questa gioia fosse collettiva, coinvolgendo anche chi guarda queste opere, portandolo a riconoscersi in uno stato di euforia. Anche la scelta di presentare in questo contesto delle opere verticali, più che un caso dipendente dal poco spazio, si appropria anche di quel linguaggio visivo che nella verticalità vede nessi simbolici con la spiritualità, la trascendenza, la levitazione.

testo di

Ruggero Sicurelli

2004

Treviso

2004

Ha raggiunto una espressività molto stimolante dove il mondo dei colori e delle forme è visto e vissuto in tutta la sua globalità. Il suo è un mondo fiabesco, animato da linee che creano immagini, sogni, visioni magiche. Un sogno mantenuto vivo per difendersi dalla dura realtà contemporanea

testo di

Antonella Raimondo

2004

Treviso

2003

Pittura di altissimo livello e soprattutto pittura onirica, siamo nel mondo dell’utopia nel mondo dei sogni, nel mondo in cui vivono gli artisti. C’è una libertà ed una fantasia che esplode come un’esplosione di gioia. C’è un bambino dentro di lui, e ci sarà sempre anche quando avrà la barba bianca. E lui avrà sempre voglia di dipingere così. Per darci un messaggio di gioia, di purezza, di pace. Siamo affascinati sinceramente, attratti, presi da queste opere che ci assorbono. E vorremmo quasi tuffarci dentro, per poter nuotare anche noi in questi colori, in questa musica, perché questa è una pittura musicale e passare il resto della nostra vita là invece che qua.

testo di

Giorgio Pilla

2003

Venezia

2003

Paolo Ober? Beh! Qui naturalmente siamo in una dimensione modernista, tecnologica dell’arte. Fotografo oltre che pittore, ed immagino che lavori anche al computer, è chiaro che il riferimento non può andare che ad un artista della generazione precedente e suo conterraneo: Depero. Il quale improvvisamente, in questa terra che non era abituata al futurismo ma semmai ai paesaggi di Moggioli, inventa queste fughe di colore, di spazi, di luce. Delle fughe che rientrano certamente nel mondo del futurismo ma che anticipano pure un certo mondo tecnologico. E qui passando da Depero a Ober ed alla sua pittura bidimensionale, così precisa con linee che cercano di fuggire. Cerca di coniugare quello che è il senso di una pittura intesa come lievito di fantasia, con un gusto attuale, non vorrei dire ancora tecnologico, ma certo un gusto di un uomo che fa parte del nostro tempo. Che magari batte il tamburello per richiamare a raccolta tutti i giovani in una sorta di grande festa. E’ la danza che fu dei futuristi, di Severini e altri grandi artisti, ma che si rinnova in un modo diverso. Il modo del nostro tempo, di un mondo giovane a cui Paolo Ober appartiene.

testo di

Paolo Rizzi

2003

Venezia

1999

Paolo Ober propone lavori impostati sull'uso energico dei colori. La luce ritorna finalmente esplosiva ed illumina puntigliosamente ogni situazione straziante per riportarvi una diversa ed ostinata visione gioiosa, che pare a tratti attirata da tentazioni new age. Il disegno, reso essenziale, diventa ora l'improbabile proposta fiabesca di una situazione impossibile, ora mero supporto per il gioco dei colori. Lo scherzo dei contrasti e dei legami cromatici trabocca spesso su superfici sfalsate e sovrapposte, sfruttando varie situazioni volumetriche. Nell'ebbrezza fantastica di queste composizioni, soltanto alla fine s'intravvedono i piani sovrappopolati di figure irrequiete, doloranti, addensate ed aggrovigliate nel loro mondo angusto

testo di

Fiorenzo Degasperi

1999

Trento

1999

COLORATO GIROTONDO VITALE

Le sue inconfondibili figure antropomorfe tendono le loro ap-pendici di plastelina colorata per condurci in quella sorta di dimensione parallela e fantastica che ci attende come dietro allo specchio di alice. (…) Sono omini semplificati, con un tondo al posto della testa e corpi nastriformi elastici e sinuosi. In realtà la semplificazione è solo appa-rente, si tratta piuttosto della volontà di rendere queste figure il più universali possibile e il più possibile affini alla materia onirica dei suoi racconti. Le opere di Ober nascono da una lunga elaborazione ideativa e grafica e seguono una loro evoluzione che dalla metà degli anni ’80 le ha portate sempre più lontane dalla figurazione tradizionale verso quello che altrove è stato efficacemente definito “un mix di sogno e realtà” (A. Spagnesi, Firenze 1995), senza per questo rinunciare alla ricchezza di particolari ed alla complessità di una tessitura pittorica certosina. In un mondo siffatto, dove le emozioni non possono essere affi-date all’espressione dei volti o alla mimesi comunemente intesa, l’impatto cromatico gioca il ruolo decisivo nella seduzione esercitata dalle tele di Ober: sono colori forti ed artificiali, usati volutamente puri per sottolinearne i contrasti. Il colore riempie lo spazio inconsi-stente in cui galleggiano figure, brani di archittetture o di natura, ed è un colore che si fa a volte materia, mescolandosi con la sabbia, la iuta e la pasta. Lo spazio/colore tende a travalicare i confini della tela, invade la cornice e sembrerebbe voler andare ancora oltre, inseguendo la luce che si irradia dal centro verso l’esterno, esplosa in migliaia di piccole pennellate. Questo frazionamento del colore e la forza centri-fuga della luce fanno sì che la plasticità di corpi e oggetti, seppur evi-dente e insistita, sembri dissolversi in virgole luminose e metterne in dubbio la consistenza, rilevando la loro natura di sogno. Da alcuni anni anche la cornice è coinvolta in queste esplorazioni cromatiche e diven-ta essa stessa superfice pittorica, sempre più spesso modulata su più piani e sagomata in forme inattese o funzionali al racconto. Le figure sono in continuo movimento in questo spazio luminoso, un movimento mai anarchico o casuale, ma sempre sotteso ad una sim-metria compositiva che preferisce di gran lunga il ritmo musicale alle rigide leggi fisiche, nel nome di una regolarità matematica che non si avverte nel prodotto finito. E così molti dei racconti visivi di Paolo Ober hanno un sottofondo sonoro: In-Canto, Blues, Echi, Voce notturna… Altri titoli evocano invece momenti di introspezione, legati a sen-sazioni o accadimenti personali, ma che sono anche tappe di un vissuto comune. Sono quadri dove il movimento della composizione segue un ritmo spiraliforme regolato da un moto rotante e ascendente che e-sprime graficamente uno sforzo tortuoso verso la libertà e la spiritua-lità. In quest’ottica un’opera come Nuovo programma si può quindi con-siderare un vero e proprio manifesto artistico: rappresenta una sorta di schermo televisivo minito di tre manopole indicanti i canali musica, colore, e libertà, capisaldi della poetica di Ober. Se dovessimo risalire alla, o meglio alle paternità artistiche di Ober, l’elenco sarebbe lungo e riunirebbe stili anche lontani cronologicamente e diversissimi fra loro, ma quello che conta è che questo sincretismo ci venga restituito in forme rinnovate e sostanzialmente personali. Quello che ne risulta è una razionalità geometrica piegata all’irrazionalità del sogno, una materia che si smaterializza nella musica e nella luce, un’arte che non vuol essere né criptica né inquetante, ma semmai evocativa di un mondo immaginifico capace di coinvolgerci tutti nel suo colorato girotondo vitale.

testo di

Elisa Aneggi

1999

Trento

1999

Paolo Ober si aggira tra le manifestazioni della realtà trasfigurandola con la sua “bacchetta magica” in forme fantastiche, che sembrano prodotte da un mito sognato di giorno e ogni notte perduto, ritrovato sempre miracolosamente nella pittura.

testo di

Mario Cossali

1999

Callian du Var
(Francia)

1999

(…) Un surrealismo decisamente gioioso è quello delle tele di Paolo Ober, nelle quali il colore, usato il più possibile puro per sottolineare i contrasti, accompagna linee d’energia e figure sospese nello spazio quasi danzando al ritmo di una musica interiore.

testo di

Elisa Aneggi

1999

Trento

1997

COLORI IN GIOCO

Se Paolo Ober non si accontenta di rappresentare l'informe e di esprimere l'incosciente, ma intende dare forma all'informe e sostanza all'inconsistente, esempio felice di questa volontà formativa sono i suoi recenti lavori pittorici, nei quali il gusto per le associazioni folgoranti, le deformazioni oniriche e le scenografie iperreali è saldamente sorretto da una qualità inventiva, da una mano duttile, precisa e sorprendente. Capace del grottesco e dell'inquietudine, di ironia e sommesso pensiero, Ober riesce a fare partecipi di quel magico stupore che sanno suscitare le figure e gli oggetti che sembrano venire incontro da un altro mondo, con pochi e forti tocchi distratti e insieme pronti a lanciarsi in divagazioni cromatiche imprevedibili, a partire da qualsiasi pretesto. Combinazione di timbri e registri, tra sonorità solare e gioiosa o melanconica e meditativa, la sua pittura - un itinerario, un deposito di immagini, un catalogo di simboli, un collage di sogni, paesaggi, interni, appunti di favole e fantasticherie, accesi, tutti, da una fosforescenza che sa di visione, aneddoto e mistificazione - è un'avventura trascinante, nella quale una pellicola di visioni sorprendenti e di metafore spinte fino ai confini dell'immaginazione, cattura e deforma nelle trappole dello sguardo e della memoria, situazioni improbabili e dimore inverosimili. Provocazione e comicità, camuffate nella finzione mitico scenico narrativa, animano i segreti pittorici, buttati a piene mani, con la convinzione di solidificare plasticamente storie difficili e accidentate, argomentate con vigore e necessità di sottoporre il reale all'apparenza di un virtuale figurare colorato, dentro la cornice acrobatica di una pièce incantata, grottesco metafisica, che sa percepire mito, fantasia e gioco senza diminuirli. Il suo modo di raccogliere i frammenti più vari del reale e dell'immaginario, entro una formulazione unificante di qualità tattili e visive, trova piena e coerente condensazione nelle tematiche e negli strumenti. La ribadita intenzionalità narrativa dedita allo sviluppo delle trame in un fraseggio sinuoso e alternato, cerca e trova una propria organizzazione, anche quando fondata su caotiche discontinuità. La proposta visiva alterna, tra inclementi fantasmi e sbilanciate prospettive oniriche ed emblematiche, piani gremiti ad altri che contengono solo uno o due particolari. Un'istanza è riferita al segno e un'altra è tesa ad affermare il colore: entrambe obbediscono interamente ad una disciplina che rende limpida la materia pittorica mentre viene conclamato un geometrismo che non concede eccezioni; al di là dei frantumi o della corposità coloristica di un sotteso surrealismo, appaiono echi derivanti dall'art nouveau, dalla pop art, si salutano Kandinskij e Chagall, e viene riverito imprescindibilmente Savinio. L'umanità, la quotidianità, gli interni, gli oggetti sono elementi, nei quali la poetica di Paolo Ober si rende riconoscibile: ansie ottagonali e cubici tremori solidificano quell'inconscio nel quale coesistono tutte le date, le epoche, i prima e i dopo, e cedono volentieri alla tentazione mobile, instabile e fluida di essere avventura e di alludere sempre al contrastato rapporto con l'avventura, pura elaborazione concettuale o suadente precisione coloristica che sia. Nella sua pittura, teatro del contemporaneo e della visione, qualche elemento inusuale o abnorme o imprevisto si insinua, stravolge e spezza momenti e segmenti canonici della realtà raffigurata, sconvolge l'ordine dei segni, generando l'enigma e il mistero. Nell'evenienza dell'arte fantastica, il caso e l'ambiguità sono allegorie indecifrabili ma l'immagine può essere disvelata; la chiarificazione è nel ricorso alle idee svolte in ogni figurazione, specchio coperto di vita e fantasia.

testo di

Elisabetta Rizzioli

1997

Rovereto (TN)

1996

Paolo ober ci introduce in un mondo pittorico silenzioso dominato dalla rotondità della forma intesa come chiave d’interpretazione della vita e dello spazio.

testo di

Mario Cossali

1996

Isera (TN)

1996

UN MIX DI SOGNO E REALTÀ

La sintesi visiva di Paolo Ober trova nella figuretta dell'uomo la sua più efficace espressione, un ovoide o una sfera per testa, arti superiori e inferiori in cui sono fusi mani e piedi, un corpo duttile che può allungarsi ed accorciarsi a suo piacimento secondo i dettami di una fervida immaginazione fresca di invenzioni da terzo millennio eppure ricchissime di connessioni con auliche preziosità medioevali e bizantine. Dosando con grande maestria la sua vivacità ludica, Ober muove il suo "uomo" in uno scenario incantato ove i colori sono accesi e luminescenti come quelli impiegati dalla "video-grafica": la "figuretta" si moltiplica e galleggia in uno spazio alieno ed improbabile contorcendosi come quella di un "cartoon" televisivo. Se "l'omino radioattivo" di Keith Haring recuperava la pregnanza espressiva del graffitismo "pop" ed anonimo dell'America contemporanea, la figura umana di Ober subisce l'influsso dell'immagine creata al computer per la TV e si "disumanizza" entro una dimensione virtuale che gli si offre come paradiso protetto ma che può anche divenire un inferno della mente. Rischi e vantaggi offerti all'uomo d'oggi si mischiano come le carte da gioco in questa pittura sofisticata e gravida di messaggi: un mix di sogno e realtà.

testo di

Alvaro Spagnesi

1996

Firenze

 

1995

Paolo Ober appare come un gran sognatore, un “viaggiatore” del pensiero, che ama raccontare i propri fantastici deliri attraverso un linguaggio figurale giocato sull’assemblaggio d’immagini e sulla diversificazione dei materiali.

testo di

Bruno Pollacci

1995

Pisa

1995

Paolo Ober esprime le proprie idee in una sintesi di pochi elementi fluttuanti senza gravità in uno spazio spinto quasi alla soglia dell’astrazione, dove la narrazione delle situazioni reali, delle emozioni, delle aspirazioni, viene rivista con uno spirito teso a trasfigurare giocosamente i turbamenti in forme e colori gioiosi e musicali.

testo di

Gino Micheli

1995

Trento

1994

MOTIVI PITTORICI

L'atmosfera magica evocata dai colori innaturali, la preziosità da mosaico che in certi lavori si ricava dall'effetto dei pigmenti su superfici polimateriche, sono sensazioni che trasmigrano dalla pittura di Paolo Ober al suo segno grafico, senza impoverirsi nell'assenza cromatica. Anzi, è interessante vedere come, già nell'acromia del disegno riesca a suscitare con poche linee e semplici soluzioni di suggestione volumetrica, una dimensione scenografica dello spazio. Nel suo alfabeto figurativo, che scandisce una sorta di ingenuità surreale, tutto è rapportato all'estrema sintesi geometrica e però le forme, così rese essenziali, della natura come dell'umano, perdono nel suo fare ogni rigidezza, tale che figure come il cono, la sfera, il cubo, il cilindro, assumono forme mobili, seducenti per quel loro ininterrotto fluttuare nello spazio. Emana da queste sue pagine, tanto nella trasposizione grafica che pittorica, una inconfondibile musicalità. Le figure danzano e si compongono nella scena in virtù della continuità del segno che le muove secondo un ritmo. L'elementarietà formale che Ober sceglie quale medium visivo è però specchio di una complessa messe di "informazioni", poichè in realtà questi suoi racconti per immagini ci appaiono dotati di qualità anche sonore e tattili e narrative; allora la veste grafica e pittorica rappresentano la sintesi privilegiata, il contenitore di un bagaglio ricco di emozioni, memorie, desideri e disillusioni, quel "carro quotidiano" (che ricorre nei suoi titoli) con cui dobbiamo sempre confrontarci. Ober ce ne offre una visione poetica e quasi favolistica ma non certo "naif". D'altra parte, inutilmente tenteremo di ascrivere tale esperienza nella scia di una scuola, stilistica o di pensiero, poichè è indubbio che certe lezioni storiche dell'arte contemporanea (pensia-mo tra le altre a Kandinsky, a Chagall) siano di conforto e tuttavia, primariamente, l'autore ci indica, in specie attraverso le più recenti prove del suo percorso, una via sinceramente ed efficacemente autonoma.

testo di

Roberta Fiorini

1994

Firenze